P

Luoghi da visitare a Parma

Parma

Luoghi da visitare a Parma

Luoghi da visitare: cattedrale

 

CATTEDRALE

Dedicato a Maria Assunta , la Cattedrale è uno dei più famosi esempi di arte romanica della pianura padana.
La facciata della Cattedrale è classico romanico-lombardo, l’interno è a croce latina, divisa in tre navate con decorazione pittorica che rappresenta la “Vita di Cristo”, sopra il matroneo e culmina con la “Ascensione” della Madonna nella cupola.
L’affresco non è stato ben accolto quando è stato inaugurato nel 1530, “Un pasticcio di cosce di rana” venne definito al tempo.
Oggi Correggio è acclamato come uno dei principali maestri della pittura manierista.
Meraviglioso e molto importante la lastra di marmo bianco della “Deposizione”, in altorilievo di Benedetto Antelami, datato 1178.

 

battistero

 

BATTISTERO

Il Battistero di forma ottagonale, in marmo rosa di Verona , si erge sul lato sud della piazza.
E’ considerato una delle più importanti strutture italiane del suo genere.
Iniziato nel XXII secolo, è considerato uno degli edifici più importanti dell’Europa medievale per essere a cavallo fra lo stile romanico e il gotico.
La sua costruzione è iniziata nel 1196.
La struttura architettonica interna, diversa da quella esterna, è suddivisa in sedici parti.
Famosa per la sua architettura, così come i suoi incredibili affreschi e statue di animali mitici, il Battistero ospita le sculture di Benedetto Antelami.
Mirabile il ciclo dei mesi, composti da figure intente a lavorare nei campi.

 

Chiesa di S. Giovanni Evangelista

Questa chiesa abbaziale sorge direttamente alle spalle del Duomo ed è collegata al monastero. La sua facciata del 16° secolo è manieristica (lo stile razionale meno armonioso che ha seguito il Rinascimento) ed è nota per la sua magnifica cupola affrescata, opera di Correggio. La cupola ha fortemente influenzato gli artisti del suo tempo e ha ispirato molte opere successive.
Anche in questa chiesa (nella seconda e nella quarta cappella a sinistra) sono presenti opere di Parmigianino, un contemporaneo di Correggio. Una volta che avrete visto, la Madonna dal collo lungo del Parmigianino non ve la dimenticherete più.
Vicino all’abbazia trovate la Spezieria di San Giovanni (farmacista), quattro camere con arredi del 16° e ripiani in legno del 17° secolo, vasi portanti, vasi in maiolica.
Nella abbazia è ancora possibile acquistare i rimedi naturali per la tosse, dolori reumatici, nausea, debolezza e altro.

 

CAMERA DI SAN PAOLO

La Camera di S. Paolo è stata la sala di ricevimento voluta dalla badessa Giovanna da Piacenza , donna colta ed erudita.
Nel 1519 ha assunto Correggio perché la decorasse.
Gli affreschi raffigurano scene mitologiche dei gloriosi Trionfi della Dea Diana, le tre Grazie e le tre Parche.

 

CHIESA DI SANTA MARIA DELLA STECCATA

Dietro il Palazzo del Governatore nella Chiesa di Santa Maria della Steccata, troverete alcune delle opere più straordinarie del Parmigianino, in particolare lo splendido affresco delle arcate sopra l’altare.
Molti membri della famiglia Farnese e Borbone giacciono qui sepolti.
La chiesa risale al XVI secolo.
La cupola è un meraviglioso affresco di Francesco Mazzola, meglio noto come Parmigianino (1503-1540). E’ stato necessario talmente tanto tempo per la sua realizzazione che lo stesso pittore venne incarcerato per violazione del contratto.
Particolare importanza è la Sagrestia nobile dietro l’abside dove preziosi paramenti liturgici sono custoditi con grande cura.
Quasi tutti i tessuti sono ricamati con oro, argento.

 

pilotta

 

PALAZZO DELLA PILOTTA

Per gli amanti dell’arte o per coloro che apprezzano la storia, la Galleria Nazionale non èassolutamente da perdere.
Situata al primo piano del Palazzo della Pilotta è ricca di opere d’arte che vanno dal XIII al XIX secolo.
Quadri di Correggio, Parmigianino, Giulio Romano, Michelangelo, Bruegel, El Greco, Van Dyck, Tiepolo, Canaletto e una bella “testa di una giovane donna” di Leonardo da Vinci.
L’ingresso alla Galleria è attraverso il Teatro Farnese, un favoloso Teatro ligneo del XVIII sec. copia del Teatro Olimpico di Vicenza progettato da Andrea Palladio.

 

FARNESE TEATRO

Al piano pugno in Pilotta Palazzo costruito in breve tempo (1617 e 1618) da Ranuccio I Farnese che intendeva festeggiare con uno spettacolo teatrale (mai realizzato) la visita a Parma di Cosimo II de Medici in circostanza di un viaggio a Milano.
La struttura architettonica è stata interamente realizzata in legno e stucco e le due statue equestri ai lati estremi sono realizzati con carta pesta.
Il Teatro Farnese destinato per l’uso privato della corte è stato inaugurato il 1628 per il matrimonio di Odoardo Farnese e Margherita Dè Medici con una performance di una battaglia navale.
Per questo motivo venne completamente inondata la parte bassa del Teatro.
Quasi completamente distrutto da una bomba nel 1944 è stato ricostruito nel 1950 utilizzando in parte il materiale originale riutilizzabile.

 

regio

 

TEATRO REGIO

Uno dei più noti e importanti Teatri dell’Opera italiani.
E ‘ stato costruito nel 1829 su commissione di Maria Luigia d’Austria (la seconda moglie di Napoleone Bonaparte).
Notissimo per la perfetta acustica e l’eleganza degli interni , ha ospitato i più grandi cantanti d’opera conosciuti in tutto il mondo.
L’interno è costituito da una sala con soffitto a cassettoni in stucco sorretto da colonne di ordine ionico, bancarelle ellittiche e da quattro ordini di palchi.
L’ultimo piano è costituito dal Loggione dove gli appassionati e cultori della lirica solgono abitualmente sedere.

 

parco-ducale

 

PARCO DUCALE

Un parco favolosamente elegante, disseminato di statue, vasi e tempietti, piccoli boschetti e nella parte finale un romantico laghetto.
Si estende lungo la riva occidentale del fiume Parma.
Il Parco è stato creato nel 1560 dalla famiglia Farnese a Palazzo Ducale
Tra il 1753 e il 1766 lo scultore Jean Baptiste Boudard ha realizzato le statue di marmo, raffiguranti divinità classiche e vasi neo-classici.
I Parmigiani fanno jogging a qualsiasi ora del giorno e le mamme portano a giocare i propri bambini.